G-V2GZKR475Q

Libri digitali: le difficoltà nel reperimento dei materiali didatticI

Pubblichiamo di seguito un articoli di Pietro Piscitelli, direttore della Biblioteca per i Ciechi Regina Margherita con la quale l’UIC di Macerata lavora per la trascrizione e l’adattamento dei testi scolastici, mezzo fondamentale per garantire agli alunni con handicap visivo l’accesso all’informazione e il diritto allo studio.

Oggetto del presente documento è il libro in formato digitale acquisito dal file origine concesso dall’Editore, atteso che la versione digitale di un libro è sempre realizzabile con i sistemi tradizionali (scansione, correzione, ecc.).

La Biblioteca Italiana per i Ciechi “Regina Margherita” è impegnata ormai da alcuni anni nella preparazione e nella distribuzione dei libri di testo in versione digitale fruibili dagli alunni con minorazione visiva ed è chiamata a far fronte ad una domanda che sta crescendo in misura esponenziale.

Prima di entrare nel vivo del tema, mi siano consentite alcune considerazioni preliminari tanto ovvie quanto, molto spesso, sottovalutate nelle loro implicazioni.

  1. Dobbiamo prioritariamente decidere se vogliamo parlare di testi di lettura amena (romanzi, ecc.) e di testi di studio di materie umanistiche (antologia, filosofia, ecc.) oppure se desideriamo finalizzare la nostra analisi sui testi di studio in generale e quindi soprattutto su quelli che presentano maggiori difficoltà quali: storia, geografia, storia dell’arte, scienze, biologia, lingue straniere, ecc. Il testo di lettura amena e il testo scolastico sommariamente definito “umanistico”, tranne rare eccezioni, non presenta al suo interno notazioni o accorgimenti grafici particolari. Diviene quindi “fruibile” anche dai non vedenti laddove possano usare adeguati software di lettura dei formati PDF comunemente reperibili. Gli altri testi di studio – poiché contengono una parte iconografica essenziale alla comprensione del testo, una simbologia più ricercata e una impostazione grafica elaborata che non li rende immediatamente fruibili nella versione PDF – necessitano di un rifacimento e di una semplificazione attraverso una “conversione” in formato DOC. Un discorso a parte deve essere riservato ai testi scolastici di materie scientifiche (matematica, algebra, geometria) per i quali ancora oggi non è possibile realizzare versioni digitali veramente fruibili senza ricorrere alla tradizionale digitazione. Ancora diversa – e tutta da esplorare – è la valutazione dei materiali distribuiti online dagli Editori.
  2. Il libro di testo è studiato e realizzato per i normodotati visivi ed è quindi ricco di iconografia e di accorgimenti grafici atti a richiamare l'”occhio” e quindi l'”attenzione” dello studente. Per questa esigenza la struttura dei testi scolastici è ogni giorno più complessa e articolata e necessita, per renderla autonomamente fruibile, di una rielaborazione particolarmente accurata. È evidente che non è possibile rincorrere le diverse “abilità informatiche” e le diverse “abitudini” degli studenti minorati della vista e quindi è problematica la realizzazione di “adattamenti soggettivi”. Per questo la Biblioteca, dopo una lunga e complessa sperimentazione, ha elaborato e introdotto uno standard che seppure non può soddisfare la generalità degli utenti, mette tutti nelle condizioni di fruire del testo e, se desiderato e necessario, di intervenire direttamente per realizzare le personalizzazioni desiderate.
  3. Il libro scolastico digitale è oggi disponibile e generalmente diffuso dalla Biblioteca in tre versioni standard: in PDF, in DOC e in TXT. La versione PDF è quasi sempre accessibile e fruibile per gli alunni ipovedenti, lo è meno (anche in relazione alla tipologia del testo ed all’abilità informatica dell’allievo) per i non vedenti. La versione DOC è ancora oggi preferita dalla grande maggioranza degli studenti anche se la richiesta (compresa quella proveniente da alunni “abili” nell’uso del computer) si sta progressivamente orientando verso i testi umanistici, esattamente come, tanti anni fa succedeva con il libro registrato. La versione in TXT è ormai retaggio dei pochi che utilizzano sintesi vocali datate. Ne discende che mentre la fornitura di file in PDF non presenta particolari problemi di ordine tecnico, la fornitura di file in DOC presuppone una specifica fase di lavorazione assai complessa e delicata perché non si tratta solo di curare la verbalizzazione delle principali parti iconografiche, ma anche di riordinare sequenzialmente il testo (box, note, tabelle), sostituire tutta la segnografia comune che il sintetizzatore non leggerebbe nella modalità “normale”, ecc. Questa ulteriore fase di lavoro è assai lunga e complessa e richiede alla Biblioteca un importante impegno anche di risorse finanziarie.

Tanto per avere un’idea della dimensione del fenomeno basterà citare i dati dell’ultimo triennio.

  • anno 2008 utenti 395 testi 2.272
  • anno 2009 utenti 380 testi 3.248
  • anno 2010 utenti 504 testi 4.810

Nel 2011 – ma questi sono dati ancora provvisori – la Biblioteca ha registrato 515 utenti e 5125 testi. Fortunatamente le nuove disposizioni in materia adozionale ci stanno dando una mano e ci hanno permesso, per la maggior parte dei testi, di attingere al catalogo di testi “pronti” che sta progressivamente assumendo una dimensione ragguardevole (ad oggi circa 7.000 titoli in 16.000 versioni diverse). Infatti nel 2011, a fronte 5125 testi distribuiti, è stato necessario rielaborare in versione DOC “solo” un migliaio di nuovi testi.

Per entrare nel merito degli argomenti in trattazione illustreremo le difficoltà ripartendole in tre macroaree:

  • le difficoltà tecniche
  • le difficoltà legislativo-normative
  • le difficoltà procedurali.

Le difficoltà tecniche

Abbiamo già accennato che, per valutare compiutamente le difficoltà tecniche che si incontrano nella preparazione di testi di studio in versioni digitali fruibili per i minorati della vista, occorre partire dalla discriminazione dei destinatari e dei contenuti.

Per gli ipovedenti medio-lievi il formato PDF – o gli e-book distribuiti direttamente dagli Editori – appaiono generalmente sufficienti a coprire compiutamente le esigenze di studio.
Per i non vedenti – e per gli ipovedenti gravi – il formato PDF – o gli e-book distribuiti direttamente dagli Editori – risultano idonei solo per alcune tipologie di testi mentre per stragrande maggioranza di questi è indispensabile una “conversione” in formato DOC e una successiva “rielaborazione” più o meno complessa in relazione al testo.

La conversione del testo in formato DOC e il riordino del testo sono operazioni sempre possibili laddove si provveda ad integrare la parte di testo non “recuperata” in sede di conversione con la digitazione. Per ragioni di tipo economico questa operazione non è praticata per quei testi dove lo notazioni matematico-scientifiche – che nel testo digitale originale fornito dall’editore sono riportate come immagini – sono prevalenti rispetto alla parte testuale e quindi la digitazione diviene prevalente rispetto al “recupero”.

È tutto da affrontare il discorso dei materiali distribuiti online dagli Editori. Alcune volte si tratta di “integrazioni” (interi capitoli, approfondimenti, schede) che non fanno parte del file fornito dall’Editore e quindi non possono essere “trattati” o “convertiti” dalla Biblioteca. Altre volte si tratta di animazioni, filmati, ecc. non trasferibili in una versione digitale fruibile dall’alunno non vedente. La Biblioteca ha istituito una Commissione di studio per l’esame di questi materiali con l’intento di fornire agli Editori utili indicazioni per la realizzazione di materiali opportunamente modificati o alternativi ad uso dei non vedenti.

Le difficoltà legislativo-normative

La vigente legislazione sulla tutela dei materiali protetti e del diritto d’autore scaturisce dagli articoli 71/bis e 71/ter della legge 22 aprile 1941 n. 633 e dal conseguente decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali 14 novembre 2007 n. 239 che stabiliscono che l’utente minorato della vista può procedere autonomamente all'”adattamento” del testo posto in commercio dall’Editore mentre le Istituzioni (e tra queste sono annoverate l’Unione Italiana dei Ciechi e la Biblioteca) possono produrre materiali fruibili sono se preventivamente autorizzati dall’Editore interessato sulla base di specifici accordi.

Risulta evidente che il C.d.A. della Biblioteca non ha potuto e non può assumersi la responsabilità di una violazione legislativa così eclatante e diffusa ed ha dovuto e deve quindi operare nel rispetto della norma. Ciò ha portato la Biblioteca a ricercare l’accordo e il consenso dell’Editore che può o non può concederlo.

Attualmente la maggioranza degli Editori sono “sensibili e collaborativi” ma ci sono Editori che non concedono file o autorizzazioni di sorta.

Da quanto detto deriva la constatazione – purtroppo amara – che risulta inapplicabile il disposto del’articolo 5 della famosa “legge Stanca” e che non vi è alcuna norma avente forza di legge che possa costringere un Editore a consegnare un file digitale fruibile oltreché accessibile.

Sulla scorta di questa “consapevolezza”, la Biblioteca e l’Unione hanno usato ed usano l’unica arma a loro disposizione, quella del convincimento e della ricerca di sinergie solidali con gli Editori.

La Biblioteca e l’Unione Italiana Ciechi hanno sottoscritto il 28 settembre 2010 un “protocollo d’intesa” con l’Associazione Italiana Editori e successivamente specifici accordi con gli Editori che nel suo primo anno di applicazione ha presentato alcuni punti di criticità di cui parlerò più avanti.

Altra difficoltà è riconducibile alla tempistica delle adozioni. Se queste avvengono entro il 21 maggio e se le richieste agli Editori possono essere inoltrate solo dopo questa data, risulta evidente che è praticamente utopico pretendere che TUTTI I LIBRI DI TESTO siano disponibili con l’apertura dell’anno scolastico. La Biblioteca si sta progressivamente attrezzando per rispondere in tempo reale alla richiesta dei file in PDF o di quelli in archivio, ma non ha la struttura tecnico/professionale ed i mezzi finanziari necessari per produrre mille e più adattamenti in formato DOC nel giro di tre mesi uno dei quali è dedicato alle ferie annuali.

Le difficoltà procedurali.

Anche qui è doverosa una premessa. Da sempre la maggior parte degli Editori affidano la stampa dei libri a stabilimenti tipografici di loro fiducia. Sino a qualche anno fa i processi di lavoro della stampa offset prevedevano l’uso di lastre e di programmi di impaginazione specifici (QXP, Indesign, ecc,) non automaticamente riconducibili al formato PDF. Da qualche anno – e questo è l’unico vero effetto positivo della legge Stanca – gli Editori stanno acquisendo anche i formati PDF cioè quei formati dai quali ricavare le versioni digitali accessibili e fruibili. Ne deriva che per i testi editi nell’ultimo quinquennio il formato PDF è quasi sempre disponibile mentre per le edizioni più datate l’acquisizione del PDF è, anche per gli Editori, più difficile, sicuramente onerosa e quindi sfocia spesso nella indisponibilità.

Riprendendo il discorso del Protocollo d’intesa, i dettati procedurali che gli Editori hanno voluto formalizzare negli accordi riguardano in particolare:

  • l’obbligo della preventiva autorizzazione dell’Editore alla trasformazione/distribuzione di ogni opera editoriale;
  • l’obbligo per la Biblioteca di acquisto di una copia cartacea del testo da trasformare e/o da distribuire.

Ne è scaturita una procedura estremamente farraginosa che ha costretto la Biblioteca ad un giro di carte che ha compromesso notevolmente l’efficienza/efficacia del servizio offerto ai propri utenti generando ritardi che sono risultati incomprensibili a quanti non erano – o non volevano essere – a conoscenza dei meccanismi.

Per quanto scontato mi pare necessario sottolineare che sia l’Unione che la Biblioteca si sono adoperate per ottenere dagli Editori procedure più snelle ed efficaci e parrebbe che questa esigenza sia stata recepita dalla controparte.

Tuttavia, anche se il nuovo protocollo d’intesa dovesse risolvere tutte le criticità segnalate, è opportuno che tutti siano consapevoli che:

  • non tutti gli Editori sono in grado di fornire la versione digitale dei file richiesti in particolare delle nuove edizioni (disponibili solo da settembre) e dei testi più datati (spesso non disponibili in versione digitale idonea);
  • non tutti gli Editori sono attrezzati per fornire tempestivamente i file richiesti (si va da attese di poche ore ad attese di oltre 120 giorni);
  • non tutti gli Editori vogliono fornire i file alla Biblioteca preferendo forniture dirette alle Scuole (e quindi facendo perdere allo studente l’opportunità dell’adattamento e costringendo i docenti ad un faticoso lavoro di personalizzazione);
  • chi ha necessità dell’adattamento del file in versione DOC deve dare alla Biblioteca il tempo di realizzarlo.

Nel 2011, nonostante le difficoltà sopra descritte, la Biblioteca è riuscita a consegnare prima dell’apertura dell’anno scolastico oltre il 60% dei libri richiesti. Non è un risultato esaltante e deve essere certamente migliorato, ma non è realistico porsi l’obiettivo massimo; ci saranno sempre file non fornibili, file forniti in ritardo, file non “adattabili” nella versione DOC, file adattati non rispondenti alle esigenze dell’alunno a cui sono destinati.

Conclusioni

L’esperienza maturata dalla Biblioteca mi induce a sottolineare alcune considerazioni:

  • chi ha a cuore l’inclusione culturale e sociale dei giovani minorati della vista deve strenuamente contrastare l’idea che il libro digitale debba e possa sostituire integralmente il braille e gli altri strumenti sin qui utilizzati per l’educazione e la scolarizzazione. Il libro digitale è e sarà sempre più una splendida ed importante opportunità che, assieme alle altre più tradizionali, è a disposizione dei non vedenti e deve essere, al pari delle altre, utilizzata in tutte le sue potenzialità. Chi oggi sostiene il superamento del braille a vantaggio del testo digitale non fa onore alla pedagogia e agli studenti.
  • non si può e non si dovrebbe affermare che il libro digitale è un abito per tutte le stagioni. In molti casi esso è facilitante, per costi e per rapidità di acquisizione; in tanti non è e non può essere risolutivo senza l’intermediazione professionale di chi sa rendere un segno e un immagine fruibile da un non vedente; in tutti i casi esso non è che la replica, certamente migliorata, dell’audiolibro con cui intere generazioni di non vedenti hanno studiato.
  • ci si deve spendere perché quanti interagiscono sull’alunno minorato della vista, specialmente sui più giovani, favoriscano l’utilizzazione del testo digitale tutte le periferiche disponibili – il sintetizzatore e il display – al fine di promuovere la conoscenza del braille e, soprattutto, la capacità di scrittura dei minorati visivi che risulterebbe drammaticamente compromessa da una scolarizzazione impostata solo sull’ascolto.

Condividi queste informazioni sui tuoi profilo social!